venerdì 23 maggio 2008

Rifiuti..il paccotto di Berlusconi ai napoletani


Riportiamo qui di seguito le riflessioni del presidente della nostra associazione sul tema dei rifiuti apparse oggi sulle pagine di La repubblica-edizione napoletana......

Dov’è la novità?
Entro trenta mesi tutto il ciclo sarà a regime” ha detto il presidente del consiglio Berlusconi durante la conferenza stampa dopo il consiglio dei ministri di Napoli, riferendosi all’emergenza rifiuti.
Il presidente Bassolino e il Presidente Prodi avevano detto la stessa cosa.
Dov’è la novità?
Apriremo nuove discariche e faremo 4 termovalorizzatori “(solo in Italia vengono chiamati così, l’unione europea li chiama inceneritori e negli Usa vengono chiamati waste inceneritor)di cui uno a Napoli.
Discariche e 3 termovalorizzatori fanno parte dei piani sui rifiuti della regione e dei commissariati straordinari da 14 anni.
Dov’è la novità?
Nel fatto che se ne vuole costruire uno a Salerno?
Già Prodi aveva dato l’ok e aveva nominato il sindaco De Luca commissario ad hoc.
Nel fatto che se ne vuole costruire uno anche a Napoli?
Lo aveva già detto la Iervolino durante la campagna elettorale per l’elezione a sindaco.
I trenta giorni di tempo ai sindaci per avviare la raccolta differenziata?
Lo aveva già fatto ill governo Prodi solo che nel suo decreto il termine era di 60.
Nel fatto che è stato nominato sottosegretario con delega ai rifiuti Bertolaso?
Lo aveva fatto anche Prodi e Bertolaso aveva fallito.
Non una parola sulla riduzione dei rifiuti a monte (imballaggi), non una sul recupero e il riciclaggio dei materiali(come avviene negli Usa, in Germania e negli altri paesi europei) non una sugli impianti di Trattamento Meccanico Biologico, non un aparola sul Thor (inventato dal nostro Cnr e in sperimentazione in Sicilia).
Dov’è la novità rispetto al passato?
Imporre pena il commissariamento la raccolta differenziata spinta ai comuni?
E a che serve fare una raccolta differenziata spinta se si costruiscono 4 inceneritori? Cosa bruceranno quegli impianti?
È forse la soluzione per consentire alla Fibe di smaltire le ecoballe giacenti e alle banche di incamerare i soldi che avevano anticipato?
Secondo alcuni commentatori la novità consiste nel fatto che con l’uso dell’esercito a presidio dei siti individuati per le discariche e gli impianti e l’arresto per chi protesta dimostra che “lo Stato c’è”.
Dichiarare quelli per i rifiuti siti di rilevanza strategica per la nazione e sotto protezione dell’esercito e ridurre il problema delle legittime e pacifiche manifestazioni di dissenso dei cittadini a un problema di ordine pubblico contro le “minoranze organizzate” è la vera novità.
Nel senso che per la prima volta nella storia della repubblica democratica si reintroduce il reato di “adunata sediziosa” in riferimento a cittadini che manifestano il diritto costituzionalmente garantito al proprio dissenso.
La vera novità è che dopo il pogrom(definizione non mia ma del rappresentante degli ebrei italiani)dei rom di ponticelli si introduce l’arresto per chi manifesta il proprio dissenso nel silenzio fragoroso dell’opposizione presente in Parlamento e con il plauso del presidente onorario di legambiente.
Lo stato cè?
La vicenda del rifiuto di fittare casa all’autore di Gomorra da parte di cittadini del Vomero dimostra che a Napoli la gente percepisce che non c’è lo stato ma la camorra(quesre ultime tre righe sono state tagliate- non da noi- dal pezzo apparso sul quotidiano ndr)..

26 commenti:

conteoliver ha detto...

Il fatto che Berlusconi abbia proposto misure già in qualche modo avviate dal governo Prodi si è verificato anche per l'Ici e per la dilazione sui mutui.

Come successo per la precarizzazione del lavoro, la destra completa (tra gli applausi della stampa e di mezzo paese) quello che i governi di centro-sinistra hanno iniziato.

conteoliver ha detto...

... hanno autolesionisticamente cominciato.

mauriziocs ha detto...

Sono d'accordo con te, Luca, perchè ritengo che innanzitutto bisogna seguire la strada della informazione, partecipazione e condivisione delle scelte tra istituzioni e cittadini, grazie alle quali città italiane virtuose hanno potuto affrontare e risolvere la questione. Inoltre penso alla sciagura delle cave di Chiaiano, poste al centro di un'area fortemente urbanizzata, vicino alla zona ospedaliera, dentro un parco che dovrebbe rappresentare tutela del territorio e delle biodiversità, per la cui difesa dovremmo tutti noi cittadini scendere per strada e sbarrare(sdraiandoci per terra come faceva Gandhi)il passaggio a chiunque si azzardi a volerne fare lo sversatoio di "tal quale", cioè monnezza così com'è.
Maurizio

francesca laurito ha detto...

Post bellisiimo,complimenti!!
finalmente qualcuno che dice le cose fuori dal coro che ha spazio sulla stampa.
Ps. domandina maliziosa?
ma perchè queste riflessioni controcorrente sono finite sulla pagina delle lettere? :)

clark kent ha detto...

Beh..che dire...siamo d'accordo completamente con la considerazioni svolte in questo interessante post. complimenti
ps. il "taglio" su Saviano è misterioso e "inquietante

il Russo ha detto...

Questo pezzo é illuminante, a pensare perà a Bertolaso che va a fare la vittima al tg1 delle 20.00 perchè con il precedente governo non aveva potuto lavorare come si doveva mentre qua é tornato come nulla fosse, fà letteralmente cadere le palle...
Vi prego di venirmi a segnalare ogni novità apportate sulla situazione nel caso mi sfuggisse, ci tengo e spero ci tengano anche quelli che passano da me.

Brino Brucci ha detto...

Ma scusate, perché dobbiamo lamentarci del fatto che un governo porti a termine il lavoro iniziato dal precedente?

Cosa può farci Berlusconi se Mastella ha fatto cadere il governo Prodi non permettendogli di prosguire il lavoro iniziato?

Cosa aveva sbagliato Bertolaso se non fermarsi di fronte alle proteste dei cittadini?

Cosa c'entrano la popolazione napoletana e l'intero quartiere Vomero se una persona - dico una perchè leggo sull'articolo una - non ha voluto affittare la casa a Saviano?
ebbeh? i napoletani percepiscono la camorra. SI ! e la temono? SI ! e non percepiscono lo stato: no! ebbè? E' FORSE UNA NOVITA'? UNA RIVELAZIONE? ma di cosa parliamo?
A proposito: giochiamo al gioco della verità: quanti di voi vorrebbero saviano nel propro palazzo?
Attenti ai nasi che crescono, grazie.
Saluti

Antonio Trotta ha detto...

vi giro questa notizia BOMBA battuta qualche giorno fa dall’ANSA. A quanto pare (ma non risultano smentite per ora) i nostri rifiuti vanno a finire nei TMB tedeschi. Qualche seguace estremo del “fuoco purificatore” si sentirà male.

BERLINO, 21 MAG - I rifiuti campani già smaltiti in Sassonia non sono stati bruciati nei termovalorizzatori tedeschi, ma sono stati riciclati per ricavarne materie prime secondarie e composti organici che verranno venduti all´industria. Il ´percorsò dell´immondizia italiana in Germania lo ha spiegato all´ANSA una portavoce del Ministero dell´Ambiente della Sassonia, sottolineando che niente è finito in discarica.«Questi rifiuti non sono stati bruciati» negli inceneritori, ha detto la portavoce. Anzitutto, ha spiegato sono stati separati i rifiuti organici da quelli solidi, che diventeranno poi materie prime secondarie (plastica, metallo, etc.). Il resto, «una parte minore - ha
proseguito - è stato trattato in un impianto meccanico-biologico e verrà venduto alle industrie», le quali bruciano questo materiale trasformandolo così in energia. Ma il grosso dei rifiuti campani diventa materia prima secondaria. E l´Italia, oltre a fornire l´immondizia, svolge anche un ruolo importante nella fase successiva del percorso di quest´ultima. Il Paese, infatti, è al terzo posto, con 2,01 milioni di tonnellate, della graduatoria degli acquirenti di materie prime secondarie. (ANSA).
CB21-MAG-08 17:09 NNN

ex bassoliniano ha detto...

Bravo luca un ottimo pezzo!
Finalmente sei uscito dal guscio "moderato" in cui eri finito da qualche tempo.
Adesso riconosco di nuovo lo stamati di qualche tempo fa, quello che non le mandava a dire.
Però adesso non fernarti a questo post, è indispensabile riportare nel dibattito politico cittadino un "pensiero diverso". Diamoci da fare smuoviamo queste acque putride e stagnati.
io sono disponibile.
Un saluto A.M.

Leftorium, il blog Riformista ha detto...

Come usiamo scrivere noi che veniamo dai newsgroup usenet >QUOTO tutto l'articolo.

Saluti, Leftorium, il blog Riformista.

Tisbe ha detto...

Io temo per la mia terra. Non siamo pochi, non abbiamo la forza di opporci alle forze armate e i rifiuti di tutta la Campania finiranno nella bellissima verde e sempre povera irpina. Nè il governo centrale, nè il governo regionale hanno mai pensato a noi. Siamo una minoranza e per questo non contiamo nulla. Abbiamo poche risorse tutte riconducibili all'enogastronomia, ma ci toglieranno anche quelle... sono disillusa, amareggiata e odio la sinistra più di berlusconi
Ciao

un giornalista ha detto...

Caro Stamati
a leggere quest'ansa aveva ragione nel dire che il quarto inceneritore serve per fare un favore alle banche e a Fibe.
Ecco qualche brano:
"
rifiuti; bertolaso: alcuni burocrati…
rifiuti/ bertolaso: alcuni burocrati…
rifiuti/ bertolaso: molto preoccupato,…
Altri
(ASCA) - Napoli, 23 mag - Nonostante la consapevolezza che ''la situazione e' molto piu' difficile, piu' critica, di un anno fa'' Guido Bertolaso ribadisce...(...)''La situazione e' peggiore rispetto all'anno scorso'' ammette Bertolaso ricordando che allora c'era un piano operativo preciso, l'intenzione di fare davvero la differenziata. Oggi i siti sono stracolmi, la differenziata e' un miraggio e le ecoballe accumulate sfiorano gli 8 milioni. Proprio per questo il decreto prevede la costruzione di un quarto termovalorizzatore a Napoli che si aggiungera' a quello di Acerra, SantaMaria La Fossa e Salerno. ''Bisogna bruciare tutte le ecoballe accumulate''...

antonella ottieri ha detto...

si ho letto anch'io. qiuesti fanno sul serio,penso che bisogna prepararsi e ...organizzarsi!!!
"dense nubi si addensano su questa povera nostra città", allert aamici!!

zorro napoletano ha detto...

si anch'io penso che dobbiamo "organizzarci", Bassolino,iervolino, berlusconi, pd..tutti d'accordo. addesso è proprio regime!!

Anonimo ha detto...

lassa fà a a' Maronna.
Finalmente a Chiaiano si cominciano ad intravedere le sembianze di uno Statovero, di un Paese serio.
Basta chiacchiere, lamentele, mediazioni senza fine, teatrini vari.
Pigliatevi 'sta munnezza e amen.
E' la democrazia. Chi vince governa. E basta. Stop. Chi perde si fotte 5 anni. Lapalissiano, no?
E invece il diritto di quello, l'ambiente di quell'altro ...
Gli italiani, e pure io, li hanno votati per questo, perché sennò?
I napoletani e quelli della provinica la creano la munnezza, come tutti? E come tutti la smaltissero, senza rompere tanto i coglioni.
Inceneritore pure a Napoli, perdio: giusto, Guido!
Stanchi proprio di vedere 'sto clima perenne da auspicato Ottobre Rosso, da Cile anni '70 contro il puerco Berlusconi, da
no pasaran.
E invece, porca la miseriaccia, passiamo sempre !
E la cosa più beeellla è che questa volta siamo passati con il vostro elettorato.
Forza agenti: l'Italia è con voi.
Ciao ragazzi.
Ci sentiamo a cose fatte.
PS Uno ha detto: questi fanno sul serio. Altro che, tesoro. Fanno VERAMENTE sul serio.
Finalmente.

Il Seminatore di Verità.

Anonimo ha detto...

Ancora nessuna parola sulla realizzazione degli impianti di compostaggio che dovrebbero trattare una parte consistente dei rifiuti. Si ritorna nuovamente ai 5 inceneritori di Rastrelli che per essere alimentati dovranno bruciare anche quello che avremo (si spera) imparato a differenziare.
Antonio Aprea

Just Walter ha detto...

In Italia e soprattutto a Napoli credo che ormai siamo proprio alla frutta...

Fab ha detto...

@ anonimo che si firma "Seminatore di verità" (il che è tutto un dire):

la verità, che tu sembri non sapere a quanto scrivi, è che a quel "I napoletani e quelli della provincia la creano la munnezza, come tutti? E come tutti la smaltissero" avresti dovuto aggiungere che gli altri, i non napoletani (presumo tu sia di altra regione) la munnezza l'hanno smaltita per anni usando le discariche campane, non quelle delle proprie zone.

Evito di utilizzare lo stesso linguaggio da te operato, con termini volgari e colmi d'ignoranza.

Fab ha detto...

Peccato abbiano tagliato le righe finali del tuo articolo sul quotidiano..forse è stato percepito "pericoloso" o forse perché poteva sembrar nutrire l'utilizzo della forza da parte dello Stato, dicendo che lo Stato non c'è, o non c'è abbastanza.

Ad ogni modo non c'è alcuna novità sostanziale, come bene hai fatto a scrivere, Luca, sulle iniziative adottate.

E l'opposizione cosa fa? Veltroni parla delle future primarie (!)..

Anonimo ha detto...

E qui che Ti sbagli, cocco.
Io sono il Tuo vicino di casa, il Tuo collega d'ufficio, il Tuo capo, il Tuo dipendente, il Tuo compagno o compagna.
Nella loro parte più buia, quella che non hanno il pudore o la forza di esternare, perché devono - pena il senso di colpa, l'esclusione dal circolo dei buoni - fingere di essere tolleranti, altruisti, misericordiosi, umani.
E no, ciccio bello.
Le cose stanno cambiando: gli italiani, napoletani compresi, hanno votato a destra perché queste pippette mentali da rottami di un tempo che fu e non sarà mai più non le vogliono più sentire.
Rom, smettila: no.
Rom, per la seconda volta, smettila: no.
Rom, lo rifarai ancora per la terza volta? Si ? Bene. E io ti spacco la testa.
Vediamo se lo farai una quarta. Vediamo.
Ma chi sei tu per farlo dirai tu, indignato? Sono quello che fa quello che lo Stato dovrebbe fare ma ingolfato dalle mediazioni, dalle chiacchiere sterili e dal cacarsi adosso dei politicanti che temono di perdere consensi e prebende, purtropp non fa.
Ora, è lo Stato che ha deciso di fare queste discariche?
Bene si faranno.
Con le buone e con le cattive.
E mentre si faranno, tranne una minoranza che ne pagherà le conseguenze sulla propria pelle, il resto del Paese oscillerà tra il dispiaciuto, ma a debita distanza emozionale, e l'indifferenza più assoluta.
Perché anche nella democrazia, come in tutto ciò che é umano, vige la legge del più forte.
Ma ti guardi intorno? Ma dove vivi? Ma pensi davvero che nella vita ci sia il lieto fine come nei film, ciccio?
Quando l'avrete capito avremo governato un secolo.
Addio maestrino.

Il Seminatore di verità

Fab ha detto...

@ Il Seminatore di verità:

ti lascio ai tuoi deliri.

Non sei capace di fornire a questa discussione dei contributi interessanti e rispettosi, per cui fuori dal mio stile abituale devo per forza considerarti un ignorante e lasciarti perdere, sperando che tu ti renda conto di ciò che scrivi e sopratutto di come lo scrivi. Questo è uno spazio di terzi, non sei a casa tua per cui dovresti esprimerti in maniera educata nel rispondere ad un commentatore.

Non voglio continuare la polemica, con te è tempo perso, per cui spero che i responsabili di questo blog inseriscano la moderazione o cancellino eventuali altri tuoi commenti che facciano riferimento ai miei e che hanno piuttosto natura di attacco personale sterile.

Qui il "cocco" sei tu, nel senso che ne hai la testa, per giunta fuori dalla realtà.
Per di più firmarti "Il Seminatore di verità" mi spinge a suggerirti di andare da un buon psichiatra.

E non sei né il mio vicino di casa né altro..non sei niente e nessuno e non potrebbe essere altrimenti data la tua rozzaggine. Addio pischello.

p.s. perdonami Luca per lo spazio utilizzato che è finito con il diventare di natura personale.

Anonimo ha detto...

@fab
Ho letto con interesse il tuo profilo sul tuo semideserto blog personale.
Vi ho riscontrato un accanimento, patetico direi, nel decrivere quello che sai e che sei.
Il vero dramma è che sai poco e sei nulla.
Al massimo puoi permetterti di fare, peraltro anche male - dal momento che cedendo alla polemica e litigando con me hai finito con l'abbassarti al mio livello, che tu stesso definisci infimo, annoiato i lettori ed infastidito il padrone di casa vero, che credo sia abbastanza adulto e vaccinato per dire ad altri di piantarla senza bisogno di difensori d'ufficio - il lacché del "commentatore".
Peraltro non è chiaro per nulla perché quando un "commentatore" dice la sua il resto del mondo dovrebbe restare necessariamente abbagliato da cotanta saggezza e guaire di gioia.
Se il "commentatore" non vuole critiche o confrontarsi con opinioni diverse, anche radicalmente dalla propria, ben potrebbe non veicolare la sue idee in un luogo pubblico come la Rete.
Quindi: mi quoto da solo, perché quando ci afferma democratici e liberatari come te, si può dissentire o disprezzare ma non cancellare un'idea, anche malsana, nella misura in cui gli avvenimenti di questi giorni vi costringono necessarimanente a prendere atto del fatto che quel che io penso e voi biasimate, purtroppo (per voi) c'è e trova AMPI e MAGGIORITARI consensi.
Anche meno lontano di quanto sperereste, insisto.
Quanto a te, fab, comportati da personcina educata: lascia parlare i grandi e, piuttosto, inventati qualcosa per richiamare qualche visitatore sul tuo disertato blog.

tuo affezionatissimo
Seminatore di Verità (con la v maiuscola, baby)

Alessandro Biamonte - Buongiorno Napoli ha detto...

Concordo con Te, Luca.
Devo, però, dare atto che Berlusconi, per l'ennesima volta, ha dato prova di mediaticità.
Prima l'annuncio del Consiglio dei Ministri a Napoli. Poi l'arrivo dei ministri dopo giorni di guerriglia urbana tra i rifiuti(chi li dimenticherà). Infine la conferenza stampa senza se e ma, con un chiaro messaggio a tutti.
Ecco: il governo Prodi ha peccato nell'incisività del suo messaggio, dando l'impressione, all'uomo della strada napoletano, che fosse distante dai suoi problemi. Addirittura che Napoli e la Campania fossero state scaricate in quanto irrecuperabili. Serviva una ventata di incoraggiamento, che non c'è stata.
Certo, non si vincono le guerre con i proclami. Ed ora, nel concreto, il Berluska si accorgerà di quanto sia pesante il fardello ereditato.
Credo però che sia arrivato il momento delle responsabilità e soprattutto dell'unità tra tutte le persone di buona volontà.
Non so se qualcuno ha letto (e ricorda) l'editoriale di Marco De Marco sul Corriere di qualche giorno fa ("Napoli, da capitale a prefettura"): è quella la vera sconfitta. Una sconfitta tanto più amara per quanti di noi hanno fatto dell'impegno civile uno stile di vita (senza cadere nel calderone dei cortigiani incapaci di riconoscere che il re è nudo) e oggi si vedono ingiustamente defraudati della dignità di cittadini - alla stregua di sudditi -.

Fab ha detto...

@ Seminatore di Verità (stavolta hai mancato "il" forse perché stai ritornando nella massa indistinta).

Fai bene a quotarti da solo. In effetti se fossi stato il padrone di casa non ti avrei fatto passare il messaggio ma non per scarso senso democratico ma perché ti esprimi con termini diretti alla mia persona che non sono neppure da scuola media inferiore.

Ora è inutile che continui e cortesemente non mi chiamare in causa che io ho una dignità, malgrado il mio blog non sia frequentato dalla massa indistinta e insignificante di cui fai parte.

E' pure inutile attribuirmi un "voi" come se facessi parte di una setta, non potresti capire le mie posizioni di pensiero e mi sa che di una setta fai parte tu, o almeno sei un troll. (Ma forse non sai cos'è)

Io non m'inventerò niente per attirare visitatori sul mio blog, questo casomai sarebbe un tuo atteggiamento, sei in cerca d'attenzione perché disperato e infantile. Tutti i tuoi commenti lo dimostrano.

Cortesemente, non chiamare in causa il mio nick e magari vai ad infestare qualche altro luogo o rivolgiti ad uno studio psichiatrico.

pangea blu ha detto...

@seminatore di verità
come avrai notato non abbiamo posto alcuna moderazione su questo blog...ciò non toglie che se si è naturalmente liberi di esprimere qualsiasi opinione (amiamo le critiche) e qualunque disaccordo anche asperrimo con i post e con i commenti, ciò non di meno esime qualcuno dal personalizzare o insuktare l'interlocutore. si tratta di semplice netiquette. Grazie
:)

Anonimo ha detto...

@Pangea Blu
Prendo atto.
E le porgo un'ultima domanda: l'invito al rispetto della netiquette vale solo per me?
Perché, come ben saprà - o qualora non lo sapesse potrebbe facilmente accertarsene leggendo lo scambio di battute tra me ed il Suo devoto ammiratore, - per litigare bisogna essere almeno in due.
E gli attacchi personali non li ho iniziati io. Legga bene, legga con il distacco del terzo super partes ..... .
Sarebbe bello qualora Ella mi desse una chiara lezione di democrazia e di parità di trattamento dimostrando che effettivamente, almeno sul suo blog, "la legge è uguale per tutti".

l'unico (!) seminatore di verità